Il nostro sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti, chiudendo questo banner o continuando nella navigazione del sito si accetta l’utilizzo dei cookie. Per altre informazioni leggere l'informativa completa.

Cerca nel sito

                                                                                                                    

Meeting giovani a Viareggio

 

Se nel 2016 il tema era stato "Incontriamoci", un anno dopo è stato il momento di farlo insieme, di camminare insieme. "Camminiamo insieme" è stato infatti il tema del quarto meeting dei giovani dell'Unitalsi che nel secondo fine settimana di novembre ha animato Viareggio. Ha animato e "si è animato", vista la numerosa partecipazione di tantissimi giovani provenienti da gran parte della nostra regione. Oltre 150 per la precisione, arrivati dalle sottosezioni di Firenze, Firenze Nord, Sovana, Siena, Pisa, Viareggio, Lucca, Chianti, Mugello, Pontedera, Pienza, Prato, Pistoia e Massa Marittima. Una bella - e costruttiva - occasione insomma per stare insieme e programmare anche un po' di attività future. "Con tante facce nuove - come ha sottolineato il responsabile dei giovani unitalsiani della Toscana Alessandro Legaluppi - e un'età media intorno al 20 anni. Gioventù che ha permesso, insieme ai ragazzi più grandi, di "cementare" di più il gruppo rispetto al passato passando in questo modo due giorni in totale condivisione". Un meeting per discutere - ma anche per divertirsi - su quello che è stato anche il tema della "Giornata mondiale della gioventù", ovvero "Il cammino dei giovani". Un meeting per iniziare a prepararsi a quello che sarà il primo appuntamento della nuova stagione dei pellegrinaggi dell'Unitalsi Toscana, "Loreto giovani" appunto, in programma dal 9 all'11 marzo 2018. Ma è stato anche un meeting voluto e pensato per confrontarsi, con i partecipanti suddivisi in cinque gruppi (dalla "Fiducia" ai "Passi diversi ma con la stessa destinazione" due di questi), grazie anche a diverse testimonianze che invece sono state ascoltate sul pontile di Viareggio. Insomma, tanti momenti diversi, compreso l'apericena del sabato sera, a voler rafforzare ulteriormente il desiderio di stare insieme, lontani, assolutamenti lontani, da qualsiasi "barriera architettonica". Proprio come un unico gruppo. "Il fine settimana di Viareggio - ha detto il presidente regionale Unitalsi Roberto Torelli - non è stato un convegno nel senso classico in cui ci sono i relatori sul palco e i partecipanti in platea, anzi. Ma un vero e proprio momento di incontro, un "laboratorio" nel corso del quale i giovani hanno potuto interrogarsi sul loro essere unitalsiani e al tempo stesso giovani oggi oltre ad avanzare delle proposte operative per coinvolgere sempre più ragazzi nella nostra attività". "Chi ha avuto modo di partecipare agli incontri dei giovani avrà sicuramente testato la loro voglia di piena condivisione. Sono ragazzi che hanno voglia di stare insieme, di vivere insieme ogni istante della giornata, che ci sia da giocare, da cantare oppure pregare, sempre e comunque insieme, senza alcuna distinzione tra sottosezioni, tra chi aiuta o chi è aiutato. In questo sono un vero esempio per tutti noi. Sono quella esperienza che io chiamo "l'Unitalsi del domani", quella Unitalsi che sa vivere fianco a fianco con le persone disabili, facendo di loro dei compagni di viaggio e non degli "strumenti" per attuare la propria voglia di servizio". Con un ulteriore invito, rivolto dall'associazione, dal presidente regionale Roberto Torelli ma anche dallo stesso Alessandro Legaluppi, "non solo alle sottosezioni che nelle loro fila hanno già dei giovani volontari, ma soprattutto a quelle che non li hanno, perché siamo certi che se riusciranno a convincere qualche nuovo giovane a partecipare alla vita dell'Unitalsi, questo ne resterà "fulminato" e tornerà a casa con la voglia di proseguire il cammino unitalsiano". Più o meno le stesse parole che Alessandro Legaluppi ha scritto su Facebook "commentando" le foto del meeting: "E con le foto della festa di ieri sera e della giornata di oggi si conclude il quarto meeting dei giovani dell’Unitalsi Toscana. Un concentrato di servizio, carezze, abbracci, preghiere e anche tanto divertimento che rappresenta quanto di meglio la nostra associazione ci può offrire. Questa è l’Unitalsi che vogliamo, quella della speranza che questi giovani riescono a infondere. Niente di particolarmente complicato se si hanno le giuste motivazioni. Un esempio che i nostri tanti giovani ci consegnano affinché ognuno nel suo piccolo sia capace di dare il suo contributo con credibilità. Andiamo avanti".

Insieme a Lourdes per l'Immacolata

IV° Meeting dei Giovani a Viareggio

Manca sempre meno alla quarta edizione del Meeting dei giovani dell'Unitalsi Toscana e quest'anno faremo tappa a Viareggio!

Pagina 1 di 31

Visite

0717223
Oggi
Ieri
Settimana
Mese
TOT
229
463
1996
11140
717223

In Evidenza

Prev Next

Il messaggio del Papa per la giornata de…

17-01-2015 Hits:9461 In evidenza Bettazzi Bernardino

Il messaggio del Papa per la giornata del malato

IL MESSAGGIO DI PAPA FRANCESCO IN OCCASIONE DELLA XXIII GIORNATA MONDIALE DEL MALATO ISTITUITA DA GIOVANNI PAOLO II (11 FEBBRAIO 2015) Sapientia cordis. «Io ero gli occhi per il cieco, ero...

Read more