Il nostro sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti, chiudendo questo banner o continuando nella navigazione del sito si accetta l’utilizzo dei cookie. Per altre informazioni leggere l'informativa completa.

Cerca nel sito

                                                                                                                    

Chi siamo UNITALSI

L’U.N.I.T.A.L.S.I. (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) nasce nel 1903 ad opera di Giovanni Battista Tomassi.

Uomo disabile, costretto a vivere su una sedia a rotelle, partì per Lourdes con l’intenzione di suicidarsi davanti alla Grotta se non fosse avvenuto il miracolo della guarigione.

Rimase però talmente colpito dalla serenità che riscontrò negli altri malati di fronte alla Grotta e dalla presenza di tanti volontari che si adoperavano per aiutare disabili e ammalati, che la sua rabbia si trasformò in commozione.

La sua anima si sentì come rigenerata, trasformata, e decise di dedicare tutte le sue forze alla fondazione della nostra associazione, con lo scopo di consentire a quante più persone possibile il pellegrinaggio a Lourdes, specialmente a chi fosse in situazioni di maggior difficoltà.

A poco a poco, dall’originaria attività volta quasi unicamente all’organizzazione di pellegrinaggi, l’associazione ha compiuto un importante cammino di cui la prima fondamentale tappa è stata ''l’Unitalsi tutto l'anno''. Sulla scia di questo modo di pensare sono nati i primi soggiorni estivi al mare ed in montagna e, quindi, i primi gruppi che programmavano un’attività che ci impegnava durante tutto l’anno con assistenza domiciliare, incontri di formazione spirituale, ritiri spirituali, gite, interventi in occasione di calamità naturali. Poi siamo andati oltre pensando anche al problema del lavoro con le prime cooperative... e poi le altre e più recenti iniziative che, senza questo cammino, probabilmente non si sarebbero mai realizzate.

''Un’associazione di fedeli che, in forza della loro fede e del loro particolare carisma di carità, si propongono di incrementare la vita spirituale degli aderenti e di promuovere un’azione di evangelizzazione e di apostolato verso e con gli ammalati ed i disabili attraverso l’opera di volontari'': questa è la definizione espressa nel primo articolo dello Statuto.

Oggi l’Unitalsi coinvolge oltre 300.000 iscritti: uomini, donne, bambini, sani, ammalati, disabili, senza distinzione di età, cultura, posizione economica, sociale e professionale.

Il cuore dell’Associazione sono i pellegrinaggi ai Santuari di Lourdes, Loreto, Fatima e Banneaux, ma l'impegno dei volontari non si limita a questo.

Grazie ad uno spirito innovativo sempre più emergente sono state realizzate diverse iniziative di grande significato sociale come il Progetto Bambini, che offre aiuto e sostegno alle famiglie di bambini ammalati, l’apertura di 3 Case Famiglia, a Pisa, Rieti e a Barletta, dove sono ospitate persone disabili, e l’impiego di oltre 150 ragazzi in progetti di servizio civile.

La nostra è una associazione in cammino. Ci auguriamo che possa andare sempre avanti e portare buoni frutti a tutti coloro che ne hanno bisogno e che possa crescere continuamente con l’aiuto di sempre più volontari disposti a mettersi al servizio del prossimo.

Visite

0685600
Oggi
Ieri
Settimana
Mese
TOT
541
568
3697
11790
685600

In Evidenza

Prev Next

Il messaggio del Papa per la giornata de…

17-01-2015 Hits:8975 In evidenza Bettazzi Bernardino

Il messaggio del Papa per la giornata del malato

IL MESSAGGIO DI PAPA FRANCESCO IN OCCASIONE DELLA XXIII GIORNATA MONDIALE DEL MALATO ISTITUITA DA GIOVANNI PAOLO II (11 FEBBRAIO 2015) Sapientia cordis. «Io ero gli occhi per il cieco, ero...

Read more